About giuseppe amodio

Posts by giuseppe amodio:

Intervista al più famoso attore comico francese Kad Merad alla Mostra del Cinema di Venezia con “La Melodie”.

Kad Merad, sei una celebrità come attore comico. Come ti sei trovato invece in un ruolo drammatico?

Non so mai cosa effettivamente rispondere a questa domanda perché qualunque sia il ruolo, io mi considero un attore, un interprete nel senso più ampio del termine. Quando ho scelto di fare questo mestiere volevo fare commedia in quanto il mio più grande modello era Jerry Lewis che, sapete, ci ha lasciato poco tempo fa; per me lui era l’esempio di chi è anche capace di commuoverci enormemente, come avete visto nei film di Jerry Lewis.

Non molto tempo fa, in Francia, hanno trasmesso un reportage su Jerry Lewis dove la donna della sua vita, alla soglia della sua morte, ha raccontato che durante tutta la sua vita è stato considerato un attore comico, possiamo dire un attore divertente, senza che veramente le persone si interessassero a fare osservazioni o critiche costruttive, e il giorno in cui ha fatto “the king of comedy”, il film di Martin Scorsese, tutti sono rimasti stupiti e hanno detto “ah che grande attore” e lui ha detto “scusatemi, ho fatto una sessantina di film e solo oggi mi trattate come un attore e non come un comico”.

Ma ti senti effettivamente differente in questa interpretazione?

Io trovo che sia un po’ questo il problema, io non ho l’impressione di essere diverso nei film, cerco sempre di avere il meglio da me stesso, di essere fedele a ciò che devo fare e alla storia che si deve raccontare. Sono molto felice oggi di poter interpretare film cosi diversi tra di loro e ancora non ho finito, ho ancora tanta voglia e ho sempre l’impressione di imparare qualcosa dai film e penso che continuerò ad apprendere cosi per tutta la mia vita. Amo molto la commedia ma amo molto anche i film come “La Melodie” perché amo molto anche le emozioni. E molto molto piacevole vedere in sala persone commuoversi tanto quanto vederle ridere. Io penso che siano due sentimenti che sono equivalenti. Non so, io mi commuovo per esempio tanto quanto avanti ad una grande partita sportiva o ad un concerto e posso ridere avanti ad uno sketch; Sono entrambe emozioni molto forti, a me fa molto bene entrambe e penso che faccia bene anche alle persone, sia ridere che commuoversi, io mi sento bene con entrambe.

Interview to ROBERT REDFORD in Venice Festival for ‘Our souls in the night’.

Robert Redford, in Venice for his new movie, has talked about that and other point of views he has on the planet, on independent voices, on older age.

OPPORTUNITIES FOR INDEPENDENT VOICES

What is the most important issue today in 2017?

The only thing is that there is hope for the future. The thing that we have to put in our minds and hands is “where can we go that there is hope?”. We have responsibility for the future generation, and there is only one planet.

You acquired the book and produced this movie. Why did you wanted to embark on this project?

It was a film pointed to a younger audience I wanted to do another film with Jane Fonda, we have not done other for 46 years, before I die.

Why did not direct the movie yourself?

I think it has a lot to do with what Sundance is about. If you have success, and I’m talking about myself, you have to create opportunities for the people, and that goes to the category of the independents filmmakers. There are independent voices out there that does not have a chance, so I can get the success that I’m having and create a mechanism that is an opportunity for other films. That is the festival. But before the festival, I don’t think a lot of people know about this, the process was to take in 1980 colleagues as writer, director, cinematographer and so forth in coming in Sundance, this place in the mountain, and create a profile, a kind of a brand for new filmmakers to come and go through the process. To develop the relationship between filmmaker and studio the only thing we could was to create a festival, where those filmmakers could come and show each other their work and maybe going beyond that. One was the opportunity for the filmmakers, the other was the opportunity for the audiences to watch movies that were not available in the mainstreams. We get connected with Ritesh Batra in Sundance, where we put his film made in India in our launch box. So when this film came about, it was a chance to maybe give an opportunity to him.

Love as you get older doesn’t change?

No, it just increases. But I’d like to say something about getting older, because I think when we are young we don’t think about that. On a personal level it’s something difficult for me, because when I was young I was very athletic, and then suddenly realize that you must be careful, and I find that hard to deal with. About the sadness of getting older, you have to give up circumstances that you had when you were young, and suddenly you do, and that create restrictions of some kind, kind of sad.

When we were young we think about what we gonna do with our lives and with our carriers, we have children. It takes a while to make the adjustments when you are only thinking about them, because you are so basic thinking about yourself, and also you have children. The time goes on, you realize you have responsibility to take care of them, not only to take care of them, but give them love, give them humor, maybe give them a venture, if you can.  And then you have to let them go, and you have to realize that you felt so busy in your earlier years, when you were young and having a family. There is tension there between looking up to yourself and also looking up to your children. I think that something that this film has in it. My character didn’t think about the children and now realize “oh my God, I have a responsibility that I let it go on. What can I do? Can I retrieve it? Can I bring it back?”. It creates a kind of dramatic tension.

Interview to GEORGE CLOONEY in Venice film festival about his new movie ‘Suburbicon’.

I have been at the presentation of the last movie where George Clooney is director and not actor, ‘Suburbicon’, a black comedy on the issue of racism in Usa. This is what he told:

What did you think about America when you started doing this film?

The genesis of the screenplay started when I watched a lot of speeches on the campaign trail about minorities, and I found this story that has happened in Pennsylvania, so I remembered the Cohen had written ‘Suburbicon’ and I found a kind of perfect match. I have tried to find a funny way to explore these issues. Unfortunately these issues are never out of vogue in our country.

What is the relation of the lucid normality of Matt Demon’s character with the collective insanity we live these days?

First of all I want to agree with the insane Matt Demon is part of the fun with this… (laughing…) . I grew up in the South in the sixties and seventies, segregation was going away and of course we have done a lot from original slavery and racism. The idea was just to say “you are looking in the wrong direction”, while white men are losing their privileges and blame minority. We have put this insane family in the middle of an insane story. This is what we did it.

In this film there is a lot of angry. Can we say this is an angry film?

Yes, it is an angry film. If you go to our country, probably it’s the angriest eye I have ever seen in the country. There is a dark cloud hanging over our country right now, and I’m an optimist but a lot of us are angry, angry with ourselves and angry at the way country and the world are going. We did not want to make a civic lesson, we wanted to be funny, but it is certain an angry movie.

All the movie is based on the view of a child.

Yes, in fact there were an original script named with the eye of the child, because we wanted to create a comfortable feeling in the viewer. Watching through a child eye I think to be a positive person, an optimistic person, and when the children look at that world they think that things should go better. And we have not written anything but only asked to the composer to write a music to describe this feeling of the children.

From the Cohen original script this is a less ironic movie, full of real “monsters” from society. Why this choice?

The monsters aren’t just bad people. You form them, and it happens caused by very stupid mistakes. In every single choice they make the wrong one. Monsters are created, become monsters along the way.

Did you feel that Trump was coming while you started this movie? Or it was a surprise for you?

The reality is that Trump’s coming in has been a big surprise for a lot of people. These are element that are always played in America. The ‘Suburbicon’ is part of our lives. After the Second World War this was the way middle class lived, having schools and a house with a swimming pool… This is not a movie about Donald Trump, this is a movie about the issue that we have never really addressed the racism in our country. We favorited integration but we have people that educate themselves without it.

Come si educa al “Codice”? Ce lo dice Barbara Carfagna del Tg1

Intervista con Barbara Carfagna, giornalista del Tg1 Rai e autrice e conduttrice del programma “Codice” dedicato alle nuove frontiere del digitale.

Già in passato avevi approfondito aree poco battute dell’informazione in vari campi, adesso con questa trasmissione esplori significativamente tutte le aree futuribili dell’innovazione. Dove nasce questa sensibilità?

Seguendo la giudiziaria al Tg1 mi sono trovata spesso a consultare esperti di ogni tipo. In occasione di un processo per un terribile fatto di cronaca ho dovuto intervistare criminologi, sociologi, soggetti ambigui spacciati per opinionisti, e addirittura un esorcista come consulente di parte. Lì ho compreso la necessità di affrontare le informazioni con metodo e consapevolezza; ho contattato un neuroscienziato, poi diventato consulente in molti processi, e gli ho sottoposto delle domande sull’applicazione delle neuroscienze al crimine. Da quel momento è iniziata la mia ricerca: l’applicazione di un metodo più scientifico al giornalismo. Secondo gli esperti del Weizmann Institute di Israele, un cattivo giornalismo troppo fondato su intuizioni ed emotività può addirittura  innescare guerre. Cercare di opporre al flusso velocissimo dell’informazione, che porta a fare copia-e-incolla dalla fonte sempre meno verificabile un sistema di analisi e di conoscenza scientifica e tecnologica. Una funzione che potrebbe essere tra poco svolta anche da algoritmi; per non essere vittime di fake news e quindi promotori inconsapevoli degli scopi di chi le ha create. Teniamo inoltre presente che chi produce fake news spesso ha anche la possibilità e la capacità di profilare i destinatari avendo a disposizione enormi database con le informazioni e i gusti dei lettori e degli spettatori. Come avere il fucile di precisione per sapere esattamente dove sparare. Non so se riusciremo a fare qualcosa di buono o se le fake news vinceranno: nessuno sa dove stiamo andando e chi dice il contrario mente. Cercare di comprenderlo è uno degli scopi della trasmissione “Codice” su cui ha investito la Rai.

Ritieni che esista la possibilità di una grande gestione da parte di pochi della comunicazione?

Sarebbe teoricamente possibile dato che aumentando la complessità inevitabilmente diminuisce il numero di quanti sono in grado di gestirla; anche per il notevole costo dell’analisi ed uso di questi dati, un po’ come avviene nella finanza. Allo stesso tempo c’è una sorta di imprevedibilità nel digitale che rischia di travolgere anche queste élites: è una realtà dimostrata che esistano persone in grado di trovare o creare o falle nei sistemi, o di crearne rapidamente di nuovi che distruggono i vecchi in un attimo. Anche Facebook, che oggi ci sembra riferimento assoluto, non sarà eterno. Altre attività digitali che esistevano prima infatti sono scomparse e non ce le ricordiamo neanche più. Capire come funziona il mondo digitale ti dà la possibilità di non caderne vittima. Fornire queste conoscenze, e in generale aumentare la consapevolezza diffusa su questi temi, forse oggi è tra i doveri principali dell’informazione e del Servizio Pubblico.

Il Tg1 tramite il tuo lavoro diffonde informazioni sul digitale a grandi masse di telespettatori, con un approfondimento di un livello che si fa fatica anche a trovare su internet. Come lo spieghi?

Ho sempre ricevuto grande fiducia dalla dirigenza del tg1 e dell’azienda. Anche loro, i dirigenti, come me, erano curiosi di approfondire questa ricerca che costruivo da tempo attraverso studi, conferenze e viaggi anche personali fatti nel tempo libero. Non basta mai il tempo per studiare in un settore così vasto e in continuo mutamento. Il rischio di scivolare è sempre dietro l’angolo.

Ritieni che la televisione sopravviverà all’informazione digitale?

Penso di sì. Credo che il servizio pubblico sia l’unico ad avere le risorse necessarie per investire e impegnarsi nel confrontare le realtà, gli studi, i personaggi di tutto il mondo sui temi globali del digitale, della ricerca e della filosofia. Conoscenze che oggi è diventato urgente diffondere e che possono essere utilizzate da tantissimi spettatori e cittadini: mi scrivono insegnanti, ricercatori, startupper, industriali… per avere contatti, link da cui avviare approfondimenti. Il nostro è solo uno spunto, ovviamente: la rai non è un’Accademia. Credo che la differenza tra il servizio pubblico e quello privato sia proprio questa. Poter essere una piattaforma da cui tutti prendono per approfondire e magari trovare soluzioni scaturite proprio da un’informazione non “casuale”, che non segue il flusso ma organizza un discorso sulla complessità che tutti stiamo affrontando e che sta travolgendo le vite private, le identità, l’economia, le vite sociali e la politica.

Parliamo futuristicamente. Negli anni ’60 c’era la corsa allo spazio e tutti pensavano che la conquista dei pianeti fosse dietro l’angolo. Il cinema, la letteratura, ma anche l’informazione ce lo garantivano. Oggi siamo nell’Infosfera creata dal digitale che però, per il momento, si traduce essenzialmente in servizi che già c’erano e che così sono più a portata di mano. C’è una più facile reperibilità delle informazioni in un piccolo telefono portatile, ma tutte le grandi innovazioni di cui parli nella tua trasmissione, la robotica, l’intelligenza artificiale, la moneta elettronica non gestita da banche centrali, non sono ancora una realtà nella nostra vita quotidiana. Ritieni che siamo presi da una fascinazione per questo tema del digitale tecnologico o effettivamente queste novità faranno parte della nostra vita?

Io credo che siamo in un mondo nuovo di cui si stanno costruendo rapidamente e purtroppo un po’ a casaccio le strutture. È un mondo reale e posso anche dire di averlo già visto in segmenti realizzati, all’estero. Anche nelle iniziative più piccole è evidente una sperimentazione che giorno dopo giorno crea le basi di questo mondo connesso. Tutti i valori tradizionali stanno saltando, e stiamo passando a grandi salti non graduali dalla storia all’iperstoria, all’ assenza di linearità. Da pochi decenni vari pezzi in composizione e mutamento formano questo ambiente connesso che è l’infosfera. Questi pezzi stanno disegnando la realtà quotidiana della società del prossimo futuro. Bisognerebbe che il processo, ancora una volta, fosse consapevole e non casuale: che ci fosse un progetto umano condiviso che tenga conto anche di come il cervello dell’uomo è fatto e funziona: nella mente dell’uomo competono più sistemi; bisogna tener conto anche di processi non razionali per non avere poi brutte sorprese, come è già accaduto nella politica di molti paesi, o nel caso di emergenti leadership carismatiche ma totalmente antidemocratiche, o sfociati in fenomeni collettivi violenti e molto più virali che nel passato. Non a caso mi interessano l’antropologia e le neuroscienze; consentono di comprendere al meglio i meccanismi mentali non visibili: quelli che provocano eventi meno prevedibili attraverso ragionamenti lineari da parte di chi li indaga.

Il digitale è per sua natura globalizzante? E’ la fine di ogni frontiera o governo nazionale? Esisterà la democrazia?

Si, certamente il digitale è globalizzante, anche se rafforza le identità locali portandole nell’infosfera. Detto questo gli esperti intravedono due vie nella fase del 3.0, la prossima dopo internet e il web: quella delle blockchain private, in cui gruppi non nazionali si uniscono per creare dei sistemi legati da interessi, parliamo di banche o gruppi finanziari ad esempio, o governi con capacità di controllo quasi totali; oppure La blockchain con la L, come la raccontano i fondatori di Ethereum o i bitcoiner; quella che prevede la decentralizzazione del web, l’uso condiviso delle risorse digitali e il pieno possesso da parte di ognuno delle sue informazioni, valori, soldi.

Questa ipotesi però richiede una grande consapevolezza: che ciascuno abbia una serie di strumenti conoscitivi di base. Per evitare che solo una piccola percentuale di persone che studiano possa gestire in esclusiva la complessità, è necessario fornire a tutti gli strumenti per comprenderla.

Formare le persone alla conoscenza e all’uso consapevole del “Codice” è certamente il principale obiettivo della mia trasmissione e il fatto che Snowden, il più famoso disvelatore al mondo di verità su alcuni di questi temi, abbia retweettato il link al nostro video su Youtube mi dice che lo stiamo facendo bene.

 

Il pensiero libero è provocazione. Parola del mio amico Tinto Brass.

Abbiamo saputo del tuo matrimonio con Caterina Varzi. Hai quindi deciso di sposarti nuovamente e lo fai per affidare il futuro della tua salute a una persona. Come mai questa decisione?

Quando si ha la coscienza che stanno finendo i giorni è meglio affidarsi a una persona che possa pensare a me e a tutte le cose che possono succedere.

Hai detto che saresti disponibile ad essere accompagnato a quella che comunemente si chiama ‘la dolce morte’, un’anticipazione della fine. Come mai quest’idea e non attendere gli eventi qualunque essi siano?

Io credo che gli eventi siano sicuramente tali da dover avere necessariamente una persona che ti accompagni.

Ormai l’erotismo è totalmente accettato anche negli ambienti sociali più convintamente cattolici, e quindi il pensiero di Tinto Brass in questo senso è totalmente sdoganato. Possiamo pensare a questa serena accettazione dell’accompagnamento alla fine che ci propone oggi come l’abbattimento di un ulteriore tabù?

Si certo, è un tabù che va assolutamente rimosso, che va affrontato con sincerità e passione. Anche il momento finale va accolto come una liberazione, una liberazione da altri impegni.

Cosa ti attendi da questo momento? E’ la fine di tutto?

Mi attendo una fine simpatica da vivere con assoluta libertà.

Non tutti conoscono la tua storia di autore culturale in una prima fase e poi popolare in secondo momento, usando dei linguaggi molto più adatti al vasto pubblico. Considerando la tua storia di studioso e la tua presenza per anni in Francia soprattutto vicino al cinema e agli ambienti cosiddetti della “contestazione”, è possibile considerare Tinto Brass come un personaggio sempre alla ricerca di quel tipo di provocazione?

Più che di provocazione parlerei del mio essere sentirmi libero, che certo diventa anche una provocazione, ma non penso di avere mai agito con lo scopo di provocare ma più con quello di esprimermi come volevo.

Conosciamo le gesta epiche di Tinto Brass regista, i conflitti legali sul set e con personaggi internazionali che ci restituiscono infatti un’idea di grande libertà, l’idea che Tinto Brass non era un regista per un cachet e non era, come tanti in quell’epoca, un regista per la politica, semplicemente era per dire le cose che voleva dire lui. C’è un senso anche anarchico in questo?

Si certo, assolutamente. Volevo dire le cose che mi venivano spontanee da dire. Non avevo altri riferimenti.

La carriera artistica inizia in un momento in cui nella società c’è un grande trasporto ideologico e “il  mondo che cambia” è un valore condiviso. Cosa pensa Tinto Brass che ha tanta esperienza e una veneranda età… che società ci lascia?

Onestamente dal mio punto di vista succeda quello che succeda, sento di avere fatto la mia parte.

Ci sono dei rimpianti? Artistici o nel privato?

No, non ci sono.

Per cosa vuoi essere ricordato?

Il mio desiderio principale è che le cose che ho fatto siano viste ma soprattutto capite.

Ci sono state effettivamente due fasi della sua carriera una prima autoriale e una seconda popolare o non ti sei accorto di questo passaggio?

Diciamo che il desiderio di esprimere qualcosa che non era ancora espresso c’era anche nella prima fase, solo che anch’io avevo difficoltà a tirarlo fuori completamente. Poi però ho trovato la forza o il coraggio o le condizioni per poter dire liberamente ciò che volevo dire.

Ma nonostante l’erotismo popolare sia oggi dilagato nella letteratura, basti pensare a “50 sfumature di grigio” che si diffonde più di 30 anni dopo “La chiave”, questo tema è invece scomparso da un cinema invaso dai supereroi. Cosa vorrebbe realizzare oggi Tinto Brass?

Nonostante queste cose vere io continuo ad immaginare il mio cinema ed anche come vorrei realizzarlo. La mente libera non si ferma mai.

50 Ironman in 50 giorni in 50 Stati negli USA. Interview with James Lawrence.

James Lawrence, American Ironman, very famous for his record to have done 50 Ironmans in 50 days in 50 States.

You look like that kind of sport man that work harder and harder to reach some special results. Do you have some special way to train?

We definitely have a formula. We manage intensity versus volume and monitor everything very closely. We want to be in a 15 to 20% ratio of high intensity to 85 to 80% low intensity recovery work. Our formula is SOAR: Stress Optimize Adapt and Recover.

Do you think this formula is right for you or is it adaptable to anybody?

SOAR has very important scientific bases and can be adapted to anybody. You have to work hard the right times, and you have to allow your body to Recover and Adapt. A lot of times people miss out on the recover process because they believe that you have to push harder and harder but the truth is that you have to do the opposite. That type of mentality is going to lead to overuse injury and fatigue. You have to manage your effort with a continuous monitoring.

Looking at your achievement it seems that you look to go beyond yourself and your “natural” limit. Do you agree with that?

I think that you want to set a goal that is beyond your limit, but you must give the preparation a ‘timeframe’, that means that you must have an intelligent approach to the big goal. In order to achieve it you have to respect, even in years, the SOAR approach.

Even in this perspective these results sound as unreachable to normal people. Do you really think that any person can reach any goal?

We should go back to the way of setting the big goal. Setting my 50 Ironman I did it with the time respect to get ready for. You could do 50 Ironman in 50 days if you set it in a proper time, managing stressing and recover time, that means about 10 years of training to achieve that. I say that I believe that everybody is capable in doing it, but you have to ask yourself how much time you have to dedicate to that and what I want to sacrifice.

You look happy doing your activity, can you indicate me what you mean for sacrifice?

Yes, I’m really happy in what I do. For sacrifices I mean time, money, energy, effort to dedicate to your goal. To reach your aim you have to give something that becomes not available to something else. I think that everybody have the same opportunities: 10% of life is what happens to us, 90% is how we choose to react to it.

How old are you? How many years did you dedicate to arrive at this level?

I’m 41 and I’m training to arrive at this level from 10 years, and not just physically, but also mentally, emotionally, spiritually, including all the experiences I had did before, even considering attempting the things that I have done.

What are your next projects or records you are planning?

I’m setting now how could I do new records. I already have had several hard challenges this year. I rode on Kilimangiaro in Africa, I ran for 235 miglia on the Criss and I have done what I consider the extreme Ironmans in the world: the Celtman man in Scotland, the Swissman in Switzerland, the Alaskaman in Alaska, and last weekend I finished which I consider the hardest Ironman, the Norseman in Norway. I am the first Ironman to make the all four in the same year.

Between now and the middle of the next year I will travel in 20 countries to go speaking and sharing my message, with the hope of empowering people to take their life and take it to another level, and help them understand what the mind and the body can truly achieve when you do the right things.

http://www.ironcowboy.com/

New book : Redefine Impossible

La mia nuova amica Laura.

Laura, una ragazza che, seppure con un cromosoma in più, ha raggiunto una vita piacevole e piena: è diplomata al Liceo Psico-Socio Pedagogico, fa balli di gruppo, paddle, ha fatto teatro e nuoto. Niente di più indicativo di una vita ricca di percorsi, sicuramente con tante soddisfazioni ma anche di presumibili difficoltà. Ti chiedo quindi: cosa significa per te avere la sindrome di Down?

La sindrome di Down è una cosa molto bella nell’aspetto fisico. Io sono fiera di esserlo, sono orgogliosa di me stessa con tutte le mie capacità, e mi considero una persona caparbia che dà tutto in ogni attività: nei balli di gruppo come nel teatro, come nel lavoro, in tutto.

Ti sei definita una persona forte, ma pensi di avere dei limiti?

Penso di sì, ma dipendono dal modo di rapportarsi con l’altro.

E pensi che questi dipendano dalla tua condizione?

No, credo di no. Non vedo differenze determinate da questo.

Qual è il tuo percorso scolastico?

Il mio percorso scolastico va dalla prima elementare fino al diploma al liceo a indirizzo socio-psico-pedagogico, e ho sempre studiato con molto interesse, e ho anche pensato di laurearmi. Insieme alla mia famiglia abbiamo invece deciso di utilizzare il tempo per fare tante altre cose, però mi sono comunque iscritta ad un centro di formazione professionale dove mi hanno insegnato l’informatica e l’inglese e questo ha fatto sì che venissi inserita nel mondo del lavoro. Il primo anno sono andata a lavorare in un asilo nido comunale, che era quello che volevo fare, lavorare coi bambini. Ma poi lì, dove c’erano tantissimi bambini bellissimi, tra le urla e i pianti ho capito che non era proprio adatto a me. E’ stato certamente uno dei momenti di maggiore difficoltà. Dopo ho fatto un lavoro di segreteria in una scuola, facevo fotocopie, ho smistato documenti, e poi ho iniziato questo lavoro per il Comune di Roma. Facendo i conti prima avevo lavorato un anno e mezzo all’asilo comunale e cinque e mezzo nella segreteria della scuola.

Da quanti anni sei iscritta all’AIPD (Associazione Italiana Persone Down) sezione di Roma ONLUS?

Sono entrata nell’associazione a 15 anni iniziando con il Club, che è il corso di autonomia, dove ci hanno insegnato come attraversare la strada, come prendere il tram, l’autobus, la metro, la gestione del denaro. Viene usato un disegno a stella in cui in ogni lato c’è un obiettivo da raggiungere. Devo dire che un obiettivo che non ho mai raggiunto era quello della Postepay (ride…).

Pensi che l’Associazione ti abbia supportata e ti stia supportando nel tuo percorso di vita?

Assolutamente sì. Dopo il Club mi hanno immessa nell’ATL ovvero Agenzia del Tempo Libero, che frequento tutt’ora. Devo dire che frequentando l’ATL ho capito molte cose di me, e sono riuscita ad ottenere tanti obiettivi personali. Nell’Agenzia del Tempo Libero noi ragazzi ci organizziamo e programmiamo da noi le serate, i concerti, i viaggi, il cinema o come andare a prendere un gelato. E’ una situazione di vita con gli altri con la collaborazione degli operatori.

Lavori per il comune di Roma, di cosa ti occupi precisamente?

Lavoro nell’archiviazione dei documenti che mi vengono sottoposti dalle colleghe in ordine cronologico, numerico e alfabetico. Si tratta di domande di iscrizione alla mensa ed al servizio dei pulmini che trasportano i bambini dalle case a scuola. Ci sono anche documenti che riguardano la condizione familiare dei bambini e l’Isee. Mi occupo anche di protocollo dei documenti, smistamento della posta nei vari uffici e faccio fotocopie e scansioni di documenti e lettere.

Utilizzi il computer?

Lo usavo, adesso la mia postazione è temporaneamente occupata da una collega che deve andare in pensione ad Ottobre. Aspetto una nuova postazione adatta al computer come grandezza.

Come ti rechi al lavoro? Pranzi lì?

Dato che non c’è traffico e mia madre è così carina che vuole portarmi fino all’ufficio, mi lascia in un punto da cui proseguo a piedi o con l’autobus. Prima pranzavo in ufficio perché rimanevo fino al primo pomeriggio e mangiavo il pranzo portato da casa, adesso ho scelto di lavorare part-time dalle 9 alle 13 e quindi torno a casa.

Lo ritieni soddisfacente o come tutti i lavori di ufficio a volte ti diventa noioso?

Lo ritengo molto soddisfacente. Mi piace molto il lavoro che faccio, e mi trovo bene con tutte le colleghe, come con la mia responsabile.

Sei nata nell’Agosto del 1990 hai 26 anni che cosa sogni di fare?

Il mio sogno è quello di continuare a lavorare dove sto, come anche di continuare a ballare e ricominciare presto a recitare, attività che ho svolto per anni.

Consiglieresti il teatro ad un’altra persona con la sindrome di Down?

Certamente, il teatro aiuta tantissimo perché ti aiuta ad esplorare i sentimenti che hai nel rapportarti con gli altri, anche nel momento in cui reciti, e poi il recitare è come se fosse uno sfogo, come anche ballare. (Il gruppo di ballo di Laura ha anche realizzato spettacoli di raccolta fondi per l’AIPD Roma, Ndr).

Una domanda sul rapporto con la tua famiglia: tutti noi abbiamo avuto nei rapporti familiari anche dei momenti conflittuali. E’ capitato anche a te nel corso degli anni?

Io ho un rapporto speciale con la mia famiglia perché la famiglia è la cosa migliore che hai nella vita. Alcune volte però litighiamo, come tutti. Ma dopo poche ore tutto si riappacifica. In ogni caso la mia è una famiglia dolcissima.

Una domanda personale: hai una vita affettiva?

Al momento non ho una vita affettiva ma ce l’ho avuta per sette anni con un ragazzo poi l’ho lasciato. Litigavamo (ride…).

Come spiegheresti, a chi non ti conosce approfonditamente, cosa significa avere la sindrome di Down?

Alle persone che mi vedono dall’esterno voglio dire che fino ad oggi ho potuto fare cio’ che ho desiderato, non mi è stato precluso niente di quello che ho voluto fare, sempre sulla base delle mie capacità. Per arrivare a questa serenità servono la famiglia, il primo punto fermo, e poi la scuola e l’associazione. E’ un lavoro di rete.

 


 

L’Associazione Italiana Persone Down nasce nel 1979 dall’idea di un gruppo di genitori di bambini e ragazzi con sindrome di Down desiderosi di scambiarsi esperienze, consigli e di condividere le problematiche legate alla nascita di un figlio con sindrome di Down.

www.aipdroma.it/chi-siamo

L’innovazione passa dalle start-up.

Intervista a Peter Cowley, Uk Business Angel del 2014/15 e uno dei più importanti startupper al mondo.

 

Peter Cowley, una personalità originata e basata a Cambridge come imprenditore seriale nell’high-tech nonché business angel e uomo dedito alla beneficenza: suona come una definizione complessa con molte esperienze e sempre alla ricerca di cose nuove. Come è iniziato questo percorso? 

Mi sono laureato all’Università di Cambridge in Ingegneria e scienze informatiche, dopo due anni di esperienza aziendale mi sono trasferito in Germania dove ho partecipato come socio all’avvio di una tech company. Sono quindi tornato nel Regno Unito e ho fondato Camdata, la mia tech company. 25 anni più tadi, e dopo aver fondato altre 8 o 9 società, sono diventato un business angel ed ho assistito altre società investimenti, assistenza e tutoraggio.

Hai finanziato 55 start-up come business angel, con 3 ottime uscite e molti fallimenti. Parlando tecnicamente, si tratta di un bilancio positivo?

Io credo sia un bilancio piuttosto positive, hai bisogno di alcuni buoni risultato da una o due società per coprire le perdite di tutte le altre. Utilizzando un metodo standard per calcolare il valore delle società nelle prime fasi ho raddoppiato il valore del mio investimento complessivo, e stimo che in pochi anni a venire venga quadruplicato.

Puoi fornirci una definizione di imprenditoria sociale? 

Un ente di beneficenza è qualcosa, in definitiva, di proprietà del corpo sociale cui appartiene a cui restituisce un qualcosa. Una volta improntata la sostenibilità dell’ente di beneficenza il suo surplus torna indietro nella fornitura di servizi/prodotti al corpo sociale da cui proviene, e per questo motivo le persone sono generalmente benevolenti nel voler finanziare un ente di beneficenza. Le imprese sociali sono invece quelle che, operando imprenditorialmente, producono dei benefici sociali. Il vero problema è quello di trovare un modo per collegare gli investimenti necessari ai reali miglioramenti dei benefici sociali.

E’ possibile che in futuro non avremo istituzioni pubbliche a fornire servizi sociali ma ci saranno queste imprese sociali. Concordi su questo? 

Si, abbiamo tanti enti di beneficenza ma allo stesso tempo il numero delle imprese sociali è in aumento.

Hai studiato Ingegneria e Scienze Informatiche all’Università di Cambridge alla metà degli anni Settanta. Oggi è possibile studiare queste materie in molte altre università. Pensi che Cambridge sia ancora diversa nel guardare avanti? Se è così, come può operare così un’università? Qual è il segreto di una così alta qualità formativa?

Ogni università con una reputazione eccellente è basata su docenti e studenti con una reputazione eccellente. Attrarre i migliori studenti ed i migliori insegnanti porta questo tipo di risultati. E questo crea le condizioni per sviluppare alti standard di insegnamento e di ricerca.

Sei una personalità di Cambridge ma allo stesso tempo sei stato e sai tutt’ora un imprenditore. Basandoti sulla tua esperienza, potresti dire che le grandi innovazioni provengono dalle università o sono le società ad avere il ruolo di muovere in avanti la tecnologia?

Tradizionalmente molte università e molti accademici non vogliono la commercializzazione delle loro ricerche ma le cose sono cambiate sia a Cambridge che in molte altre università per due ragioni: connettere la ricerca alla sua commercializzazione migliora la ricerca in sé; contemporaneamente il governo, che fornisce un grande contributo al finanziamento delle università, preme affinché ricevano un introito dalle ricerche prodotte.

Ma fare pressione sulle università affinché incassino dalle ricerche non le allontana dalla ricerca ‘pura’ che è alla base di molte altre ricerche?

La maggior parte della ricerca ‘pura’ viene ancora realizzata ma molte università nel mondo, e possiamo dire che questa ricerca sia la base dell’innovazione. Il problema è che l’innovazione ha dei costi importanti diventare commerciabile, e quindi solo le società private possono farlo.

Ma come si fa a far coincidere il profitto immediate con i tempi medio-lunghi che necessita il completamento di una ricerca?

Ritengo che questo sia esattamente il ruolo delle piccole società e tipicamente delle start-up. Il loro scopo è creare innovazione, come ponte tra la ricerca e il relativo uso massivo di questa nell’industria.

Sei certamente un innovatore. Qual è il tuo prossimo progetto?

Sono attualmente impegnato in una missione che è connessa con tutta la mia storia professionale. L’obiettivo è migliorare il viaggio delle start-up formando gli angels e gli imprenditori a fare meno errori, a lavorare meglio insieme e a produrre più ‘exit’ di successo. Sarà un insieme di informazioni su piattaforme online e offline, che sarà informativo ma anche divertente da ascoltare, guardare e leggere. Per registrare il proprio interesse è sufficiente visitare il mio sito  www.petercowley.org/ .

Buoni insegnanti creano un mondo migliore.

Intervista con Prescott Price, CEO di ‘Lesson for Life’, una fondazione dedicata all’educazione dei bambini sub-sahariani.

 

Caro Prescott, grazie mille per l’intervista. Andiamo direttamente al punto centrale del tuo lavoro così importante e difficile: qual è il vostro budget per l’educazione? Quanti bambini riesce ad educare ‘Lesson for Life’ con essi?

In quest’anno, il 2017, il nostro budget per l’educazione è stato di 1,9 milioni di euro. Si tratta di un piccolo ammontare sulla scala degli investimenti totali dell’educazione, ma è molto importante per i bambini ei membri della comunità che aiutiamo.

Raggiungeremo circa 25000 bambini, molti dei quali non sarebbero andati a scuola senza il nostro aiuto. Questo è il nostro obiettivo fondamentale: che un sacco di bambini possono andare a scuola. Allo stesso tempo lavoriamo con le comunità di questi bambini, per aiutarli a capire e comprendere i benefici dovuti al fatto che loro bambini vadano a scuola.

Quali sono le abilità più importanti che volete insegnare loro?

In queste aree già mandare i bambini di andare a scuola può fare la differenza e aumentare drammaticamente le loro opportunità future. I nostri bambini vengono da comunità rurali, e quando torneranno indietro l’agricoltura di sussistenza sarà parte della loro vita, ma ora saranno in grado di comprendere la scienza agraria, qualcuno di loro aprirà un suo negozio, saranno in grado di avere un lavoro o di aprire un conto corrente, di trovare clienti, di vendere, di acquistare. Stiamo parlando di una transizione che li farà diventare veri e propri agenti economici; e questo è il modo migliore per sostenere lo sviluppo dell’economia di un Paese.

La tua Fondazione Opera in Africa, che di certo è l’ultima area del mondo se si considera l’istruzione scolastica. Ci sono aree di questo tipo anche nel mondo occidentale?

Il report per l’Unesco del 2016 dice che nei paesi sviluppati la percentuale di bambini che non va alle scuole secondarie del 6% mentre nell’Africa subsahariana è il 58%, così le dimensioni del problema sono chiaramente molto diverse.

Lavori in una fondazione concentrata sull’educazione. Credi che sia qualcosa che dovrebbe essere gestito da istituzioni private come la tua o che dovrebbe restare pubblico mentre i privati debbano educare dove settore pubblico non è presente?

Se parliamo del possesso delle istituzioni educative non ho alcun problema. Se parliamo invece del modo nel quale l’educazione è gestita, credo che nell’Africa subsahariana i governi dovrebbero trovare tutte le risorse necessarie per dare a tutti i bambini le possibilità di essere educati fino alla scuola secondaria.

Nel mondo occidentale tutti ci aspettiamo di essere educati e crediamo nell’educazione, ma quando ho cominciato a viaggiare nelle scuole subsahariane mi sono sorpreso rispetto al grande numero di bambini in ogni classe, o rispetto al fatto che non ci fossero insegnanti o scrivanie, e che ci fossero scuole circondate dal filo spinato. L’unica cosa importante qui, alla fine, è avere una scuola.

‘Lessons for Life’ è dedicata all’educazione dei bambini africani, che di certo è il più importante punto di partenza. Come possiamo educare questi bambini dopo la scuola primaria insegnando loro abilità più tecniche? Credi nel coaching digitale a distanza?

Molte ricerche hanno dimostrato che l’educazione non di persona non sempre funziona con i bambini, e possiamo facilmente capire il perché solo prendendo in considerazione il livello di concentrazione che possono avere con o senza l’insegnante all’interno dell’aula. Possiamo anche utilizzare tutti gli strumenti di insegnamento possibili, includendo i libri e il digitale, ma, specialmente con gli studenti più giovani, è spesso l’insegnante quello che fa la differenza. La vita di ognuno di noi è stata segnata dal percorso svolto con qualche buon insegnante.

Potresti indicarci il tuo prossimo obiettivo nella tua attività educativa?

Riguardo ‘Lesson for Life’, anche se si tratta di una piccola charity, desidero che sia molto efficace nella sua azione e nella soluzione di questo grande problema. Dal lato personale, sto imparando ad essere un CEO, ho lavorato nella finanza nel passato e ora sto lavorando su qualcosa di più grande.

Solo chi sogna diventa campione. Me lo ha detto una medaglia d’oro.

 

Daniele, sei il primo fiorettista al mondo. Come si vince una medaglia d’oro?
Possiamo dire che si vince come tutte le gare ma si conquista in una vita. Bisogna metterci un enorme impegno. Ho cominciato a sette anni e ho sempre sognato quella medaglia, e averla raggiunta è stata proprio la realizzazione di un sogno. Quello che serve è un mix di fortuna e talento, e soprattutto tanta voglia di lavorare.
(altro…)

Giuseppe Amodio - Copyright 2020 - P.I. 03111640599