Cos’è l’economia della relazione? Ce lo dice Valerio Melandri

Valerio Melandri, Docente di Economia Aziendale presso la Facoltà di Economia di Forlì, Università di Bologna e Direttore del Master universitario in fund raising per il non profit e gli enti pubblici, fondatore del Festival del Fundraising, un evento di formazione dove si ritrovano organizzazioni di assistenza ed enti di beneficenza di vario genere, internazionalmente note col nome di ‘charities’.

Valerio, come mai questa intuizione?

Il Festival del Fundraising è nato 10 anni fa dall’idea che volevamo accompagnare gli studenti del Master in Fundraising dell’Università di Bologna verso il lavoro, quindi una conferenza di 2-3 giorni dove potessero incontrare il loro datore di lavoro, e contemporaneamente fare ulteriore formazione. Questa conferenza che doveva essere di 80-100 persone, poi è arrivata a 300, 500 e adesso 1000 persone, ed è quindi diventata, di fatto, la conferenza italiana sul fund raising.

Venendo qui si nota una grande vivacità, con grandi charities italiane ma anche piccole realtà. Però si percepisce un andare oltre alla semplice formazione sui singoli argomenti, e il networking sembra essere la seconda anima di questo evento.

Noi siamo dell’idea che la formazione sia importante quindi cerchiamo, fra i 70 relatori che ogni anno parlano al Festival del Fundraising, i migliori possibili che incontriamo e che conosciamo. Però la ricchezza di un evento del genere è che la gente, nel dopo lezione, in un ambiente rilassato e tranquillo e sereno, vivendo tre giorni insieme in questa specie di comunità di fundraiser, poi inizi a scambiarsi idee: ho fallito qui, è andata molto bene qua, funzionava meglio in questo modo piuttosto che in quest’altro… E questo è il vero grande motivo di ritornare ogni anno. Noi abbiamo persone che tornano da 10 anni, nonostante siano persone esperte e che magari tecnicamente non avrebbero bisogno di formazione.

E’ corretto quindi dire, nella sua impostazione, che la sua formazione è un percorso di studio ma anche di condivisione?

La formazione è un percorso di condivisione oggi molto più del passato. La conoscenza la si fa attraverso Youtube. Da un certo punto di vista questa non è più nemmeno l’economia della conoscenza. Ho bisogno di imparare a giocare a Monopoli, non leggo nemmeno più le istruzioni, vado su Youtube, mi guardo un video che mi spiega come giocare al Monopoli. L’esempio è banale per far capire come, quasi tutte le informazioni, o almeno buona parte delle informazioni che vengono messe qui a disposizione dei partecipanti, se uno si ingegna in un qualche modo le trova anche gratuitamente. Allora perché ha un senso continuare a venire, e fare ulteriore formazione? Perché questa non è più l’economia della conoscenza ma è l’economia della relazione, ovvero è attraverso il chiacchierare, il relazionarsi, il parlare e la capacità di valorizzare le proprie doti relazionali, che si misura oggi il successo di una persona.

Calling stars and helping charities. World is changing…

Do you want yo call your favourite star ?

It’s arriving Coach4Charity, the App that connects celebrities with their fans privately.

CALL YOUR FAVORITE STAR

The dream of any fan is becoming true: connecting privately with his favourite star, singer, actor, soccer player, writer. How this magic will be possible? Very simple, a smartphone app will allow “everybody” to call his or her star and also receive from him or her very precious advices on how having the big carrier he or she has had. But the secret of the App, because the difficult is on persuading big celebrities to share part of their super private time to normal people, is another. So, how this can happen?

CHARITING OPENS ALL HEARTS

Big VIPs, big stars and all celebrities are not new to being involved charity activities, and with the Coach4Charity App they make available part of their time and their knowledge to a user, typically a fan, winner of an auction that let the person to be in contact with the star. The magic thing is that the proceeds go to a charity or a charity project choosen by the VIP.

MONEY MONEY MONEY

It’s for sure that this App, now startupping and busy in the selection of the most important celebrities of the world, will income many millions from the many millions of fans that have not other dream that connecting with their most loved superstars. In the foresee the world auction will arrive to 20-25,000 dollars for a connection. Anyway one hour on video chatting with Brad Pitt or Angelina Jolie is estimated at this high value from many people, and maybe more…

For now let’s stay tuned and ready to download, as soon as possible, Coach4Charity !

Do you want to call your favourite star?

The war between Internet and Theatres has officially started.

Will Netflix kill the theatre movie industry?

A war between Internet and Theatres has started. Who will be the winner?

NETFLIX VS THE ‘FESTIVAL DE CANNES’

The selectors of the most important film festival in the world has included in the official selection two movies produced by Netflix. Everybody have been happy for that, especially for the new languages and topics that usually Netflix series drives get with them. This was until someone discovered the Netflix had already decided not to sell its movies to any theather distributions, because their business model is based on actracting subscribers with new and original contents. As a consequence the organization of the festival has decided that, starting from the next year, movies that does not declare their availability for a theatre distribution, at least in France, will be not admitted. Yes, but what’s happening to movie industry?

THE INTERNET BRANDS IN ACTION

Like Amazon started with books and now sells toasters, Netflix has started with VHS in renting, now produces movies and we can believe that, in the future…  will sell toasters. Why? Because the only thing that internet companies want are: 1. Having mass of private consumers connection and profile; 2. Selling them everything they can. Probably in the future there will be a close network of companies networked and engaged to connect with people and sell everything to them. But how can they afford this? Why no other competitors have started similar paths?

WHO WILL WIN THE WAR?

Today everybody think that these big internet companies will dominate the world, but it’s not different to what people thought when postal catalogues started their promo, remaining, after some years, just a few percentage of the market and then closing. This happened because the real contact always wins versus the imaginary, like words-of-mouth always wins on advertises, and for the simple reason that proposing products in special offer from a long distance become a stronge incentive to sell the same things on the normal retail network, thing that has always happened. It’s not for a case that we eveybody are ‘in social’ but a bit bored about that and we are using social portals at 99% as a communication tools, only as an extended network of people we know and not as the entertainement system internet companies has tried to create. At the end imaginery is not so interesting and the person-to-person contact will always win.

For the same reason we all love the real sharing of the theaters that will never die.

So Netflix, please, Go Home (and not into the theatres)!  😊

We All Go To Cannes Film Festival

Cannes: for 2 weeks main capital in the World of Imaginary

Every year the same question: why all those people go to Cannes?
Festival de Cannes: The biggest movie show in the world

Cannes, the ‘one and only’ town that for two weeks every year becomes the City Of The Movies, main capital of the motion picture “industries and lights”, is starting its engine. Almost 200 movies will be presented, showed, talked about to and from a primary audience of thousand people that have only one thing in their mind: CINEMA.

Cannes News of 2017

As about all the 70 previous editions Cannes has not any news in the organization. In a very known and loved format the festival shows new stars and old ones, a lot a new movies and some big classics, a number of movies shown inside big and small theatres and others during the famous projections on the beach in the evening. Three kinds of people will be presented to the audience: directors, big stars and big actors. So, what we should expect from the Festival? Why thousand of us go there? What makes the “Festival de Cannes” so magic and special? Audience cannot go inside to watch any movie and red carpet is totally occupied by photographers and tv cameras on both sides, but an oceanic number of people arrive there in those days to be there. Why? What’s always new in the festival?

The history of the history

The answer is simple: just taking a look at the awarded movies, and also watching the movies themselves of course, along the many years from 1939 to now, is easily understandable that there are no a topics, issues, a social dynamic steps, cultural developed paths, that we can consider very important in these decades, that has not been narrated in some movie here. We could say that, looking at this 70 years, no social event could be really told that has not been represented in the motion picture imaginary as seen in the ‘Festival de Cannes’. Yes, a lot of movies that we love have not been awarded and much other not even selected, maybe the festival falls in love more with directors then with movies, we also can say that sometimes is “too much French” (but France is at the 4th position as awarded movies after Usa, Italy and Uk)…

It’s a kind of magic

But one thing we ca say for sure: being there is being in the cinema people, or, more, being in the “world” people that go there, or, even more, in the big flow of human history represented by the ‘Festival de Cannes’ movie. Inside the light and magic illusion of this magic place we really think  to be inside in the world imaginery… forever !

So, let’s meet in Cannes… even this year !

Full Metal Middle East WarS

Stanley Kubrick’s Vietnam is much closer to wars we make in the islamic world than the Vietnam war itself.

Il Vietnam di Stanley Kubrick somiglia molto più alle guerre che facciamo nel mondo islamico di quella fatta in Vietnam.

Renzi il Rottamatore continua la sua distruzione del PD. Nell’articolo vi indico come la sua opera stia continuando…

Renzi ha vinto ma il Pd, definitivamente, ha perso. Goodbye PD.

Renzi sconfigge Orlando, ma anche il PD e la richiesta popolare di onestà amministrativa.
Il fatto

Come tutti sanno Matteo Renzi, vincendo le primarie, è di nuovo il segretario del Partito Democratico, la più grande organizzazione politica italiana, che ancora attualmente, tra governo, consigli regionali, provinciali e comunali, nonché aziende pubbliche o controllate, esprime la maggiore quantità di decisioni amministrative di tutta la nazione. In pratica, direttamente o indirettamente, il PD decide la governance quotidiana di 60 milioni di individui. Matteo Renzi da Firenze ne è formalmente il segretario, nei fatti il padrone assoluto. Ma qual è il pensiero di Matteo Renzi da Firenze nella gestione dell’Italia?

I 1000 giorni della Renzi Experience

1000 giorni di governo. 1000 giorni di jobs act e di riforma della scuola, 1000 giorni da ‘Enrico stai sereno’ a ‘Mattarella è l’uomo giusto’, 1000 giorni di inaugurazioni di Nuvole all’Eur e di ‘al fisco abbiamo messo i migliori ingegneri e controlliamo la gente tramite il telefonino’, 1000 giorni di scandali delle banche toscane (Mps e Banca Etruria), di collocazione nazionale di manager toscani (Consip), di patti del Nazareno tra toscani (Verdini). 1000 giorni della vecchia Italia padronale travestita da Italia riformista, 1000 giorni dei soliti inciuci vecchio stile, 1000 giorni di quello il 100% degli italiani, anche quelli che per appartenenza, convenienza o storia politica votano il PD, detestano ormai senza possibilità di ulteriori valutazioni.

Orlando il “grillino”

Battagliero di partito last minute, ministro sconosciuto ma non oscuro, riformatore nella delicatissima questione dell’amministrazione della giustizia, Orlando si è presentato al pubblico del PD come una novità. E l’elemento centrale del suo discorso è il principale claim dell’antipolitica: l’onestà. Certamente simpatico a tutta quella parte del PD che vede in Renzi uno scomodo padrone che sistema le poltrone ma fa grandi inciuci con la destra e con Confindustria e banche in pieno stile democristiano, il tiepido Orlando avrebbe certamente spopolato in quell’elettorato in cerca dell’onestà amministrativa che vede il M5S come un ridicolo carrozzone di inetti guidati da un pazzoide isterico. Una percentuale di elettori che, sommata agli elettori PD che non possono votare altrove, avrebbe certamente dato al PD la vittoria alle prossime elezioni, forse addirittura quel 40% che attribuisce il 100% del potere.

Goodbye PD

Ma decidendo per tenere Renzi il popolo del PD ha decretato il decesso definitivo del partito, annunciato dallo stesso Renzi nella “sua” Leopolda senza simboli ormai già anni fa, organizzazione sostituita da una rete di amici degli amici e piccoli, medi e grandi centri di potere, tutti presidiati con persone amiche. Un gigantesco multilevel senza scopi politici, senza sensibilità sociale, senza un progetto futuro, dal quale sono usciti persone che del PCI-PD riformista erano l’anima buona, come Bersani, e l’apparato ‘che consideriamo indistruttibile’, come aveva dichiarato D’Alema qualche elezione fa. E l’onestà? Quella rimarrà per sempre all’opposizione, in ogni partito, movimento, corrente. Goodbye onestà, goodbye PD.

Giuseppe Amodio - Copyright 2020 - P.I. 03111640599 - Privacy Policy